Si tratta di un procedimento tecnico-contabile di determinazione di un valore teorico di scambio da attribuire all’azienda oggetto di trasferimento. Il valore costituisce in ogni caso un elemento orientativo per la determinazione del prezzo di trasferimento.
Il termine trasferimento comprende una serie piuttosto vasta di situazioni quali:

1. cessione dell’intera azienda, o di un suo ramo;
2. conferimento dell’intera azienda, o di un suo ramo;
3. fusione di più società mediante unione o incorporazione;
4. ingresso di un nuovo socio e/o liquidazione della quota ad un socio uscente.

Le valutazioni più frequenti riguardano i casi di cessioni di PMI (Piccole e medie imprese) commerciali. In fase di compravendita delle attività commerciali, difatti, sovente si pone il problema della stima di un prezzo di cessione equo da cui partire per le successive contrattazioni. Il prezzo finale di compravendita dipenderà, ovviamente, da numerose altre variabili e, in particolare, dal potere contrattuale delle parti contraenti.

Lo Studio, non limitandosi alla sola valutazione dell’azienda, mira a rafforzare il potere contrattuale del proprio cliente e a favorire l’accordo tra le parti.